Breve recensione sul Raspberry PI 2

Oggi parlermo di una delle ultime schede prodotte dalla RS component: Il Raspberry Pi 2.
Il team di sviluppo, ha realizzato la nuova versione del Raspberry PI, aumentandone le prestazioni ma, cosa importante mantenendone la compatibilità con la scheda precedente ed il prezzo!

 

Ecco le nuove specifiche rispetto alla versione precedente:

  • Nuovo processore a 900MHz quad-core: il nuovo Cortex-A7 con architettura ARM, che ha prestazioni 6 volte maggiori rispetto al vecchio processore del Raspberry PI. Anche questo potrà essere overcloccato.
  • 1GB di memoria RAM, LPDDR2 SDRAM, che duplica la quantità rispetto a quella presente sul Raspberry B+.

Descrizione della board

Con questo nuovo processore ARM, il Raspberry PI 2, sarà capace di eseguire nuovi sistemi operativi come ad esempio lo Snappy Ubuntu core e, novità assoluta, Windows 10. La comunità di sviluppo ha fatto un ottimo lavoro riuscendo a trovare un processore più potente, ma che abbia le stesse funzionalità del precedente. E’ dichiarato che non ci saranno differenze e non ci saranno problemi di stabilità.

Quindi le uniche differenze sono:

  • il nuovo processore BCM2836;
  • 1GB di RAM
    Tutto il resto rimane invariato, come la dimensione e i connettori. Come nel Raspberry B+, l’alimentazione del Raspberry PI 2 avviene da una porta micro USB a 5V.

Anche se a noi non piace molto Windows, dobbiamo dire che è una grande novità il fatto che fra qualche mese sarà disponibile gratuitamente Windows 10 per il nuovo Raspberry Pi. Per restare aggiornati su questa notizia potete Registrarvi al nostro sito e su Windows On Devices.

Calcolo nuove prestazioni del Raspberry Pi 2

Per calcolare le prestazioni dalla board, il Team si è basato su diversi “benchmark”, ecco un elenco con il confronto alla versione B+:

  • Benchmark a singolo processo, risultato 1,5x
  • Con Sunspider il nuovo Raspbrry è più veloce per 4x
  • Nell’elaborazione video multi-core, si raggiunge un 20x di prestazion
  • Il 6x che vi abbiamo segnalato ad inizio articolo, deriva da un benchmark multi-thread

Curiosità: Il Raspberry 2 si spegne con un flash

Peter Onion, un possessore di questa  board, durante i suoi primi test ha scoperto che basta un flash di una fotocamera per fare spegnere il Raspi. Vi chiedete se si spegne perché è timido? No, la risposta è più scientifica, ecco la causa 😉

Armato di un oscilloscopio, dopo una mattinata di prove, Peter ha scoperto che il Raspberry si spegne alla fine del lampo.

 

Questo problema affligge il chip responsabile della regolazione di potenza del processore ed avviene soltanto utilizzando flash particolari allo xeno. Il problema è causato dalla luce emessa, che colpendo i semiconduttori presenti nel chip, gli fa produrre elettroni. Questo causa un malfunzionamento che fa calare la tensione e quindi la nostra schedina si riavvia.

Per fortuna questo difetto non produce danni, infatti subito dopo tutto si sistema, ma se doveste essere curiosi noi vi consigliamo comunque di fotografare il vostro Raspberry Pi ripetutamente perché un brusco riavvio potrebbe danneggiare la scheda SD o il processore.

Se dovete usare la vostra nuova scheda in un luogo con forti luci abbaglianti, vi consigliamo di ricoprire il chip con della pasta blue-tek.

Potrebbe interessarti anche...

Your email will not be published. Name and Email fields are required