Raspberry Pi Coffee Table

 

Oggi abbiamo uno spunto interessante per tutti gli amanti del Raspberry Pi che vogliono rinnovare il proprio soggiorno aggiungendo un tocco di tecnologia e un comodo tavolino spendendo poco.
Probabilmente di “Raspberry Pi Coffee Table” ne sono stati visti già di diverse forme e configurazioni, ma quello che differenzia questo dagli altri è la presenza di un touch screen che funziona in modo particolare, che verrà spiegato nell’articolo. 

Questo progetto è stato realizzato da jean.perardel nel vero spirito del DIY, che ha costruito da zero sia la struttura del tavolino, che la parte hardware del sensore touch screen.
Ha avuto la possibilità di fare delle incisioni laser in un Fablab che frequenta, ottenendo un ottimo risultato.

Come accennato nell’introduzione, di progetti simili il Web ne è pieno, ma questo mi è piaciuto per il fatto che per realizzare il pannello touch screen, l’autore ha voluto riciclare il sensore CCD presente in uno scanner, ovviando così al problema di dovere spendere almeno 30$ per un sistema touch screen e rendendo il progetto ancora più DIY, riciclando componenti elettronici.

Componenti Hardware utilizzati:

  • Raspberry Pi 2 – Può essere sostituito con il Raspberry Pi 3
  • Teensy 3 –  Questa piccola scheda elettronica a 32 bit e Cortex M4, ha a disposizione ben 34 PIN digitali che permettono di collegare parecchi sensori ed espansioni. Un’aspetto interessante è anche quello di poterla programmare come se fosse una tastiera o mouse USB, potendo in questo modo realizzare dispositivi di INPUT personalizzati.
  • Sensore CCD – Questo sensore è presente all’interno degli scanner
  • LED IR
  • TV –  Quella utilizzata nel progetto è una TV LG da 32″, ma siete liberi di scegliere quella che preferite
  • Fili per i collegamenti
  • Resistenze varie
  • Ventola di raffreddamento per PC
  • Connettori maschi e femmina

Struttura tavolino in legno

Per realizzare la struttura del raspberry pi coffee table ha utilizzato dei pannell in MDF che ha opportunatamente tagliato e fissati tra loro, mentre per  realizzare il pannello touch screen ha avuto bisogno del seguente materiale:

  • 1 x Plexiglass della misura di 750 x 460 x 5 mm
  • 2 x Plexiglass della misura di 735 x 12 x 2,5 mm
  • 1 x Plexiglass della misura di 430 x 12 x 2,5 mm
  • 1 x Plexiglass della misura di 430 x 12 x 5 mm
  • 8 vetri grandi circa 150 x 15 mm
  • Per creare un filtro per l’illuminazione IR, ha combinato un filtro primario di carta rossa con un filtro in carta blu
  • Nastro adesivo nero

Scegliendo di utilizzare una board Raspberry Pi, ha avuto modo di ridurre lo spazio necessario per alloggiare i componenti, e in questo modo è possibile utilizzare i pin GPIO del Raspberry Pi per le tutte le funzioni che si vogliono.

Un sensore CCD è presente in ogni scanner, e questo permette di ottenerlo praticamente gratis, e inoltre l’utilizzo di questa tipologia di sensore consente di accedere a 2700 sensori di luce su una linea di soli 20 cm.
Per capire esattamente come avviene l’assemblaggio del pannello e come funziona il sensore, potete visionare il video caricato dal creatore.
L’oggetto viene rilevato su una superficie di 740x380mm da una scheda Teensy programmata tramite l’IDE di Arduino.
La board accende i LED IR, legge il sensore CCD e calcola la posizione esatta di un oggetto, potendo così inviare le coordinate al Raspberry Pi come se fosse un mouse, e un programma scritto in Python mostra l’interfaccia tramite HDMI sullo schermo della TV.

Se siete interessati ad approfondire l’argomento, o volete realizzare la vostra versione di raspberry pi coffee table, cliccate su questo link per essere reindirizzati alla pagina del progetto sul sito Hackaday.

 

Potrebbe interessarti anche...

Your email will not be published. Name and Email fields are required